Beyoncé, pancione tatuato allʼhenné e baby shower a tema afro

Al Festival di Cannes 2017 si continua a sognare. Anche grazie all’arrivo della bellissima Nicole Kidman che ha incantato tutti con la prima delle sue quattro apparizioni, con un film fuori concorso, “How to talk to girls at parties” di John Cameron Mitchell. Sul red carpet si respirava l’aria stravagante del film, che parla di una calata aliena nella Londra punk.

C_2_fotogallery_3012080_8_image

L’attrice ha sfilato con un vestito ricoperto di pailettes argentate, con rouches e balze.
Il film è tratto da un racconto di Neil Gaiman e ha come protagonista una ragazza aliena, Zan (Elle Fanning), che si innamora di un teenager che ama la musica punk, Enn (Alex Sharp). Siamo negli anni Settanta nella Londra dei Clash.
Quando Enn si intrufola con due amici in quello che sembra un party qualsiasi si accorgerà di qualcosa di strano. Uomini e donne sono vestiti di tute in latex aderente dagli accesi colori. Ma non solo: il loro sguardo è strano e parlano di quarta colonia. Si tratta di una invasione aliena in atto. Alla bella Zan viene concesso, in deroga, un permesso di 48 ore per scoprire qualcosa si più sugli umani. La Kidman veste i panni di una regina, gestrice del locale punk alla moda, con un look immaginato da Sandy Powell che cita David Bowie, ma forse anche un po’ la prima Ivana Spagna.

A Cannes le modelle vanno in bianco

Sono tre delle donne più belle del mondo ma anche loro vanno in bianco… ovviamente solo coi vestiti. Per la seconda serata del Festival di Cannes tre super top hanno calcato il red carpet e, curiosamente, si sono presentate con lo stesso colore.
Molto diverso il mood scelto dalle tre. La più esagerata (pure troppo) è Petra Nemcova in

C_2_box_32498_upiFoto1F

The 2nd Skin Co. La modella ceca ha deciso di mostrare sia le gambe con un spacco vertiginoso sia il décolleté con un profondo scollo a V. Quando il troppo stroppia.
Adriana Lima è invece l’incarnazione perfetta di una diva. Il suo abito a sirena interamente ricoperto di paillettes di Naeem Khan, abbinato alle labbra rosse e a un prezioso collier di diamanti sono il massimo del glam.
Infine, punta tutto su semplicità (e trasparenze) Lily Donaldson. La top è una delicata nuvola di tulle nella creazione total white di Dior. Un modello così leggero da svelare le coulotte.

Monica Bellucci accende Cannes 2017 con un bacio mozzafiato

Il festival di Cannes 2017 si è aperto sotto il segno della sensualità della madrina Monica Bellucci, che ha ballato un tango caliente in onore del presidente di giuria Pedro Almodovar. Al suo fianco l’attore francese Alex Lutz, a cui Monica ha regalato un bacio sulle labbra da togliere il fiato. “E’ il compleanno della maturità che è l’età delle creazioni artistiche migliori” ha sottolineato la diva italiana aprendo la kermesse.

2017-05-17T194739Z_781340756_RC1451B89430_RTRMADP_3_FILMFESTIVAL-CANNES-k1KH-U43320396121793t4E-656x492@Corriere-Web-Sezioni

Con un presidente che “ama le donne come Pedro Almodovar” i film del 70° festival “risveglieranno il bambino che è in noi” ha continuato la Bellucci. Durante lo show c’è stato spazio anche per l’ironia, con l’apertura di una busta sulla falsariga di quella degli Oscar di quest’anno, con la clamorosa gaffe sul premiato.
“Prometto di essere soggettivo e passionale, prometto di consacrare anima e corpo a questo ruolo e non sarò solo” ha annunciato il regista spagnolo, emozionato dopo la standing ovation che gli ha tributato la platea del Grand Theatre Lumiere. Accanto a lui il resto della giuria: Paolo Sorrentino, Jessica Chastain, Maren Ade, Fan Bingbing, Park Chan Wook, Agnes Jaoui, Will Smith e Gabriel Yared.
“A Cannes fin dalla prima volta come spettatore, l’emozione dei film diventa parte di me e diventa parte dei miei film, spero che le opere che vedremo in questi giorni mi lasceranno dentro le stesse emozioni, ispirandomi e trovando posto nei miei film futuri” ha aggiunto Almodovar, che è stato in concorso al festival ben cinque volte (“Tutto su mia madre”, “Volver”, “Los Abrazos rotos”, “La piel que habito” e “Julieta” lo scorso anno).
L’onore di dichiarare aperta l’edizione 2017 è andato alla giovane attrice Lily Rose Depp e al regista premio Oscar Ashgar Farhadi, che si è augurato un festival che possa fare da ponte tra le diverse culture e rifletta sulla condizione umana.

Riccardo Scamarcio e Valeria Golino: pace fatta a Cannes e baci scaccia crisi sullo yacht

Qualcuno li dava già per spacciati ma, a quanto pare, sorprendendo un po’ tutti, Riccardo Scamarcio e Valeria Golino si sono riavvicinati, e parecchio anche.

1755816_golino_scamarcio_chi

Nel numero di ‘Chi’ di mercoledi 25 maggio, infatti, sono comparse delle foto che dimostrano la pace fatta tra i due: gli attori si scambiano baci e effusioni che non sembrano proprio manifestare sintomi di crisi. La location del loro riavvicinamento è una festa privata organizzata nel corso del Festival di Cannes. In particolare il party sarebbe stato organizzato da Maite Bulgari sul suo yatch.
Scamarcio e Golino sono stati paparazzati mentre si scambiavano baci, effusioni e abbracci, nonostante abbiano dormito in stanze separate durante lo svolgimento del Festival di Cannes.

Oscar Generale: “Le mie nozze segrete con Denny Mendez”

Il colpo di fulmine era scattato a Cannes (il fratello di Anna Falchi li aveva fatti incontrare) e proprio sul red carpet del Festival lui si era inginocchiato per chiederle la mano. A 5 anni da quel giorno Oscar Generale, agente delle star, è sempre più pazzamente innamorato di Denny Mendez, ex Miss Italia.

Denny-Mendez-737655

“Chi vi dice che non ci siamo sposati in gran segreto?” confida a Tgcom24 e annuncia: “Vogliamo allargare la famiglia”.

Quando le nozze con Denny? Denny è un persona unica, merita di essere sposata in ogni Stato e in ogni paese. E’ semplice, una persona pulita e genuina. Il matrimonio? Chissà… bisogna essere pronti soprattutto spiritualmente e chi vi dice che noi non ci siamo sposati in gran segreto!

Non ci sarà una cerimonia sontuosa in stile hollywoodiano? Siamo legati molto alle tradizioni, siamo credenti, abbiamo delle famiglie numerose, e quindi vorremmo avere i nostri cari vicino quel giorno. Hollywood va bene per il lavoro. Due potrebbero essere le opzioni: Belize a Puerto Azul perché è ancora un posto incontaminato, o la Puglia perché Denny sogna di ballare a piedi scalzi con me il tipico ballo del Salento, la Pizzica Salentina.

Pensate di allargare la famiglia? Ovvio , la vita è cosi bella. I figli sono il frutto dell’amore, ma anche i futuro delle nostre famiglie, perché non continuare a far sentire queste emozioni anche hai nostri figli?

Festival Cannes 2015, una partenza nel segno delle donne

Tutto pronto per il via della 68.ma edizione del Festival di Cannes che si concluderà il 24 maggio. Si apre nel segno delle donne, con “La Tete Haute”, il film della regista Emmanuelle Bercot con protagonista Catherine Deneuve, e “Mad Max: Fury Road”, con Charlize Theron.

C_4_articolo_2110929__ImageGallery__imageGalleryItem_0_imageGrande attesa per l’Italia per i tre film in gara in un concorso senza troppi mostri sacri e con una giuria presieduta da una coppia di fratelli geniali come Ethan e Joel Coen.
Sotto il sorriso di Ingrid Bergman, affiche ufficiale di questa edizione, che campeggia sul Palazzo del cinema, sfileranno sulla Montee des Marches le prime star. La più attesa è proprio la Deneuve. Maestro di cerimonie Lambert Wilson che dovrà gestire con disinvoltura l’apertura di un festival, declinato al femminile, che vedrà proiettati oltre 50 film di cui 19 in concorso. Nella serata il direttore dell’Opera di Parigi presentera’ una coreografia ispirata alle scene d’amore di “Vertigo” di Hitchcock.
Il Festival, oltre a “La Tete Haute”, avrà come una seconda apertura con l’attesissima anteprima del film con Tom Hardy e Charlize Theron “Mad Max: Fury Road”, quarto capitolo in 3D della saga inaugurata da George Miller nel 1979. In concorso tre autori di casa nostra come: Nanni Moretti con “Mia madre”, Matteo Garrone, con “Il racconto dei racconti”, e Paolo Sorrentino, con “Youth – La giovinezza”. E ancora per l’Italia il documentario di Roberto Minervini “Louisiana (The Other Side)”, un racconto di un’America ai margini, in corsa a Un Certain Regard.
La compagine più forte in concorso resta la Francia con ben cinque film firmati … Continua>>>