Idris Elba si sposa ancora! Proposta di matrimonio in pubblico

Idris Elba è un uomo molto romantico, come sulle scene non si è abituati a vederlo. Il suo gesto plateale, inginocchiarsi sul palco di un cinema di Londra per chiedere alla fidanzata Sabrina Dhowre di sposarlo, ha fatto il giro dei social. Al suo terzo matrimonio, l’attore britannico ha scelto la proiezione del film “Yardie”, prima pellicola da lui diretta, per questo festeggiare questo momento personale particolarmente felice.

C_2_articolo_3122826_upiImagepp

Si sono conosciuti in Canada durante le riprese del film “The Mountain Between Us” del 2017 e tra Idris Elba e Sabrina Dhowre, modella ed ex Miss Vancouver, è scattato subito il colpo di fulmine. Ora, dopo poco meno di un anno di fidanzamento, l’attore britannico già protagonista di serie tv di successo come “CSI: Miami” e “Luther” e di blockbuster amatissimi come “Pacific Rim” e “Thor”, hanno deciso di convolare a nozze.
“Innamorarsi mentre si fa un film sull’amore è davvero speciale” aveva detto Idris tempo fa raccontando dell’infatuazione per la bella Sabrina che ora, dopo due matrimoni ormai alle spalle per Elba, diventerà sua moglie.
E Idris per chiedere in sposa la sua fidanzata ha scelto una formula decisamente “cinematrografica”. Sul palco del cinema Rio di Londra, durante la proiezione del suo nuovo film “Yardie” si è improvvisamente inginocchiato per chiedere a Sabrina di sposarlo. Lei, emozionatissima, ha fatto cenno di sì con la testa, tra gli applausi dei presenti.

D&G mette in vendita l’abito indossato da Kate Middleton: ecco quanto costa

Se sognavate di vestirvi come Kate Middleton il vostro momento è arrivato . Dolce & Gabbana ha infatti messo in vendita online un abito verde identico a quello scelto dalla Duchessa di Cambridge per la visita dell’anno scorso in Canada.

2481004_themiddleton8

Il vestito, in crepe georgette, ha maniche a sbuffo e bottoncini bianchi in stile anni ’40 ed è disponibile sul sito di D&G per la modica cifra di 2.675 dollari. Non proprio un affare, ma le cose cambiano se si considera che qualsiasi modello indossi Kate, oltre ad essere spesso più costoso di questo, diventa immediatamente sold out. Il modello, che inizialmente aveva il Bianconiglio di Alice nel Paese delle Meraviglie ricamato su un taschino, era già stato modificato appositamente per la reale consorte (il personaggio animato evidentemente era poco consono al ruolo): il vestito in vendita è esattamente uguale a quello indossato da Kate. Per qualcuno potrebbe essere un’occasione.

Al Bano e Romina Power di nuovo insieme per l’unica tappa italiana

Al Bano e Romina Power di nuovo insieme per l’unica tappa italiana il 29 maggio all’Arena di Verona. Dopo vent’anni, era il 4 luglio 1994 e 40 mila persone a San Siro, dall’ultimo concerto in coppia nel nostro Paese. “Ci sta prendendo gusto a cantare di nuovo con me”, dice il cantante di Cellino San Marco e la risposta ironica non si fa attendere. “Sì, soprattutto quando riesco a sentire la mia voce sul palco”.

C_4_foto_1337887_imageLe “prove generali” le hanno fatte all’estero, a partire dalla Russia, dove due anni fa la reunion è stata l’occasione per festeggiare i 70 anni del cantante di Cellino San Marco, che ha appena spento le 72 candeline. Poi le tournée negli Stati Uniti e in Canada. Ora, dopo l’assaggio a Sanremo, sono pronti a ripresentarsi al pubblico italiano per un’unica data. Scherzano sulla serata all’Arena, che ripercorrerà la loro carriera da “Felicità” a “Nostalgia Canaglia”, da “Ci Sarà” a “Sharazan”.
“Aprirò cantando a lei In ginocchio da te e Romina mi dedicherà Non sono degno di te”, ironizza Al Bano. Mentre l’ex signora Carrisi si stupisce “che la gente voglia ancora vederci e ascoltarci. Non solo insieme. Speriamo solo che Verona ci porti più fortuna che a Romeo e Giulietta”. Poi la coppia parla della reunion: “Non c’è niente di studiato, nessuna strumentalizzazione o fattore finanziario a spingerci. Dopo aver cantato in tribunale, torniamo a farlo sul palco perché lo sappiamo fare e perché ci piace – dice Al Bano -. Riproponiamo ciò che eravamo e ciò che siamo, non nascondendo che siamo diversi”.