Da infermiera simbolo della lotta al coronavirus a modella. Ma Martina non lascia il camice

36422ba9-b8bb-43c8-a12a-b19131d461f3-kLkD-R0a4Ep9wGjHUM6gZ7Pj1vrK-656x492@Corriere-Web-Sezioni

Da infermiera in prima linea contro il coronavirus a modella e testimonial della collezione DoDo dedicata all’Italia, ma Martina Bendetti non smette di indossare il camice per fronteggiare la seconda ondata della pandemia. Il suo viso, segnato letteralmente dalla mascherina, ha fatto il giro del mondo e conquistato persino le pagine del “Time”. A marzo l’infermiera 28enne dell’ospedale di Massa Carrara ha pubblicato quella che è diventata una foto simbolo dell’eroismo del personale sanitario e oggi posa per una campagna molto speciale sull’orgoglio italiano.

I TESTIMONIAL Martina aveva scattato il selfie dopo una durissima giornata di lavoro nel reparto di terapia intensiva e lo aveva pubblicato sui suoi social. La foto ha fatto rapidamente il giro del web ponendo l’attenzione sui sacrifici dei medici e degli infermieri. DoDo ha scelto lei come testimonial per una collezione, Italian Pride, nata proprio per celebrare l’orgoglio e il coraggio italiano. A dare volto al progetto ci sono anche Marco Bianchi, divulgatore scientifico e food mentor, Priscilla Gaya Petro, impegnata nella didattica e in progetti a sostegno dei bambini, Maria Vittoria Baravelli, curatrice d’arte, Beatrice Venezi, direttore d’orchestra, e Marianne Mirage, cantautrice.Tutti personaggi che stanno investendo nel ‘marchio’ Italia e si fanno interpreti di una nuova campagna dell’inclusività.

LA COLLEZIONE La collezione DoDo include capsule di gioielli, charms a tema che andranno ad arricchire bracciali, collane e orecchini. I monili portano i colori della bandiera italiana. «Sono molto felice di questo nuovo progetto che rappresenta appieno lo spirito di DoDo» dice Sabina Belli, Ceo di DoDo, al Corriere della Sera «e racconta il desiderio di rinascita, la resilienza, l’orgoglio italiano attraverso la voce e la storia di persone autentiche, unite dal desiderio di comunicare e condividere la loro passione e le loro esperienze per permettere a tanti di progredire».

ORGOGLIO ITALIANO L’esperienza di Martina ricorda quella di Alessia Bonari, l’infermiera che ha sfilato sul red carpet del Festival del Cinema di Venezia in rappresentanza di tutti quei medici e infermieri che hanno combattuto contro il Covid-19 nei reparti e nelle corsie degli ospedali. Ora la situazione sta degenerando nuovamente e Martina in un’intervista al Tirreno parla delle nuove pressioni: «La consapevolezza di cosa ci aspetta dal punto di vista prettamente pratico e clinico ci aiuta. Dal punto di vista psicologico e umano personalmente mi annienta».

Chiara Ferragni, appello social dopo l’invito del premier Conte: “La mascherina fa la differenza”

b8b2bae157f8ae7239795f5a6e46b267

Dopo Fedez tocca a Chiara Ferragni. Il rapper aveva lanciato un appello sui social a usare la mascherina e aveva raccontato che era stato il premier Giuseppe Conte a chiedere a lui e alla moglie di sensibilizzare i giovani. Così puntale è arrivato anche l’invito dell’influencer con più di 21 milioni di follower: “Siamo in una situazione delicata e un semplice gesto come quello di mettere la mascherina può far sì che non si verifichi lo scenario peggiore. Fa la differenza”.

“Per me – aggiunge Chiara nelle storie di Instgaram – essere un personaggio pubblico con molto seguito vuol dire anche questo: cercare di fare qualcosa di buono per le persone e per il mio Paese”.

Per poi concludere: “Spero che tutti voi che mi seguite possiate capire quanto questo momento sia delicato e che la differenza può essere fatta da tutti noi insieme, con piccoli gesti”.

Federica Pellegrini positiva al coronavirus, l’annuncio in lacrime su Instagram: «Molti dolori dopo l’allenamento…»

5525815_1956_pellegrini_positiva_2

Anche Federica Pellegrini è positiva al coronavirus. A pochi minuti dalla notizia della positività di Valentino Rossi un altro simbolo dello sport italiano è stato contagiato dal virus. Ad annunciarlo è la stessa nuotatrice veneta in lacrime con una storia su Instagram. «Ho appena ricevuto la brutta notizia – dice in un video, l’azzurra, visibilmente provata – oggi pomeriggio ho fatto il tampone e l’esito è positivo. Sono positiva al Covid».

«Ieri durante una sessione di allenamento sono uscita perché avevo molti dolori – ha spiegato la Pellegrini – tornata a casa nel pomeriggio ho cominciato ad avere mal di gola, e ovviamente non sono più andata in piscina. Oggi pomeriggio ho fatto il tampone ed è positivo, sono positiva al Covid».

«Mi dispiace un sacco – ha aggiunto la nuotatrice veneta – perché lunedì sarei dovuta partire per l’Isl di Budapest, cominciando a gareggiare invece ovviamente non sarà cosi. Avevo molta voglia di gareggiare. Mi dispiace tanto non vedevo l’ora di ricominciare una stagione normale, nella normalità delle gare, invece niente ci fermiamo di nuovo. Non so se ridere o piangere, in verità ho pianto fino ad adesso – ha concluso – Cercheremo di prendere il lato positivo della cosa anche se per adesso mi sfugge. Ci facciamo questi 10 giorni di quarantena a casa».

Trump, anche il figlio 14enne Barron contagiato dal Covid. Melania: «Prego per chi è malato»

5523670_2226_barron_trump_positivo_covid

Barron Trump, il figlio 14enne di Donald Trump e Melania, nelle scorse settimane è stato contagiato dal coronavirus. A rendere nota la positività di Barron è stata la stessa first lady, che ha spiegato che il ragazzo non ha avuto alcun sintomo, e attualmente sarebbe negativo dopo l’ultimo tampone.

«Sono felice di annunciare che sono risultata negativa» al test del coronavirus e «spero di riprendere al più presto possibile le mie funzioni», ha annunciato in una lunga dichiarazione Melania Trump, 12 giorni dopo essere risultata positiva al Covid insieme al marito. «Prego per il nostro paese – ha continuato la first lady degli Stati Uniti – e per chiunque stia affrontando il Covid19 o qualsiasi altra malattia o sfida. Grazie a tutti quelli che ci hanno fatto gli auguri e hanno pregato per la nostra famiglia».

Chiara Ferragni su Willy Monteiro : «Il problema non è la MMA, ma la cultura fascista»

5452073_1036_willy_monteiro_chiara_ferragni

Chiara Ferragni, sulla morte di Willy Monteiro : «Il problema non è la MMA, ma la cultura fascista». L’influcenre più famosa d’Italia prende posizione sulla morte del giovane ragazzo di 21 anni a Colleferro. E lo fa con un post che invita tutti, la stampa in primis, a centrare il punto della questione.

L’influencer di fama mondiale ha infatti condiviso, su Instagram Stories, il post di un account che si occupa di politica italiana ed estera, offrendo diversi spunti di riflessione. Nel caso dell’omicidio di Willy Monteiro a Colleferro, si è parlato molto della MMA, la disciplina praticata da Gabriele e Marco Bianchi, ma quasi per niente del contesto in cui i due fratelli e gli altri due amici arrestati si sono formati. «I giornali si sono prodigati a estremizzare l’avvenuto in due modi: umanizzando gli aggressori («bravi ragazzi») e mettendo tutta la colpa sulle arti marziali che praticavano» – si legge nel post di Spaghetti Politics, ricondiviso da Chiara Ferragni – «I giornali però non mettono il loro focus sul fascismo e sulla cultura predominante nella vita di queste persone. Addirittura c’è chi si propone di “eliminare queste arti marziali” per risolvere il problema».

Dopo aver illustrato gli errori delle principali analisi sociologiche sull’omicidio di Willy a Colleferro, il post di Spaghetti Politics, pubblicato anche da Chiara Ferragni, si focalizza sul contesto socioculturale in cui è maturato il terribile pestaggio: «Il problema lo risolvi cambiando e cancellando la cultura fascista e sempre resistente in questo paese di m…a, non cancellando il mezzo tramite cui i fasci hanno fatto violenza. Il problema non lo risolve nascondendolo sotto al tappeto, lo si risolve con la cultura e l’istruzione, qualcosa che manca in questo paese».

Anche Fedez, marito di Chiara Ferragni, ha preso una netta posizione sul caso dopo aver letto delle parole che avrebbero pronunciato i familiari dei killer di Willy dopo l’omicidio («In fondo cosa hanno fatto? Niente. Hanno solo ammazzato un extracomunitario»). «Dove finiremo? Condoglianze alla famiglia di Willy, mi dispiace che oltre alla sofferenza dobbiate subire anche queste cose», il commento del cantante.

Aurora Ramazzotti e l’hater: «Tua mamma Michelle Hunziker così bella, tu così brutta». Lei risponde così

Aurora-Ramazzotti-incinta-580x360

Aurora Ramazzotti risponde a un hater sui social che la “accusa” di non essere bella come la mamma Michelle Hunziker e il papà Eros Ramazzotti. Aurora Ramazzotti è da sempre sotto i riflettori e gli attacchi contro di lei non sono mai mancati, ultimamente però si è fatta portavoce di un messaggio molto positivo, quello di mostrarsi sui social al naturale, senza filtri a coprire i difetti.

In un post largamente condiviso Aurora ha mostrato la sua pelle segnata dall’acne, sottolineando nella didascalia che la “perfezione non solo non esiste, ma non è neanche bella”. Un concetto importante però non recepito da un fan che in direct su Instagram le ha mandato il messaggio poco carino: “Tua mamma così bella tuo padre bello i tuoi fratelli bellissimi tu così brutta”.

La Ramazzotti allora ha deciso di rendere pan per focaccia e rispondere direttamente sul social. Dalle stories infatti ha postato il messaggio incriminato, con la sua risposta e una faccina che ride per sdrammatizzare: “Meglio brutti fuori o brutti dentro?”.