Alba Parietti e i “segreti” della folta chioma: dal parrucchiere per le extension

Una chioma da leonessa aiutata da alcune extantion. Ogni donna ha dei segreti di bellezza e “Nuovo” ha scopeto quello di Alba Parietti e della sua fluente acconciatura.

3378137_scansione0083.jpg.pagespeed.ce.5d5II76Buj

La showgirl infatti è stata sorpresa da “Nuovo” dal parrucchiere che mette delle extantion, ciocche fissata alla base dei capelli per allungare o infoltire la chioma.
Finita l’opera del coiffeur e dopo aver dato qualche ritocco al trucco, la bella Alba esce sorridente e pronta a tornare in tv.

Melissa Satta, madrina “preziosa” nella notte milanese

Aria sbarazzina, trucco deciso, capelli raccolti e mise da capogiro per Melissa Satta che incanta le serate milanesi con il suo look affascinante e sensuale, con tanto di reggiseno nero a vista.

C_2_fotogallery_3084046_10_image

Arriva in corso Vittorio Emanuele per una serata di festa in una boutique di gioielli. E’ lei la madrina più preziosa della notte meneghina.

Anna Safroncik: occhi magnetici, look casual

Anna Safroncik è la protagonista della nuova campagna di Talco. Se in tv la vediamo nei panni di Aurora Taviani su Canale 5, per strada la sua bellezza è affissa sui principali mezzi pubblici romani e milanesi.
Il brand di abbigliamento che con le precedenti testimonial, le ex veline Maddalena

C_2_box_47588_upiFoto1F

Corvaglia ed Elisabetta Canalis, aveva puntato ai fan di Striscia La Notizia cambia target e si rivolge adesso al pubblico de Le tre rose di Eva, ansioso di rivedere Aurora sul piccolo schermo.
“Non potrei essere più felice di rappresentare Talco e di poter interpretare me stessa esattamente come sono nella quotidianità, sperando di contribuire a farlo conoscere anche al mio pubblico che, sono certa, non potrà non amarlo” ha dichiarato a tal proposito Anna Safroncik, ben consapevole dell’esposizione mediatica di cui gode in questo momento.
Le foto sono state realizzate in una lussuosa villa romana, sull’Appia Antica. Aurora, cioè Anna Safroncik, si mostra con un look casual e capelli corti e mossi: i bellissimi occhi sono i veri protagonisti di ogni scatto.

Gf Vip. Look biondo platino per Marco Bocci, ecco perché

In attesa di conoscere il primo vincitore del Grande Fratello Vip in studio è arrivato Marco Bocci.

37148497

Il “commissario Calcaterra”, in studio per presentare la nuova fiction “Solo” si è presentato con i capelli biondo platino che ha scatenato l’ilarità del web.
Ma niente paura c’è un motivo più che valido, l’attore è “entrato in parte”, e per esigenze di copione ha dovuto abbandonare il look da bello e tenebroso.

Keira Knightley rivela: “Da 5 anni costretta a usare la parrucca”

«Ho talmente rovinato i miei capelli tingendoli di ogni colore immaginabile che hanno cominciato a cadermi tutti. Sono 5 anni che indosso parrucche: sono la cosa migliore che sia mai accaduta ai miei capelli».

keir-2

Parola di Keira Knightley, che con un’intervista al sito Instyle ha letteralmente sconvolto tutte: anni e anni a invidiare la sua folta chioma per poi scoprire che era tutto finto. Con la sua “rivelazione” Keira è anche riuscita a sensibilizzare le donne sui problemi dei capelli: ma da quando è rimasta incinta pare tutto si sia risolto. «Ora ho i capelli molto spessi e devo usare la spazzola districante», ha rivelato. Chissà che pettinatura sfoggerà al prossimo red carpet.

Maxioperazione in Iran, arrestate 8 modelle: postavano foto senza velo su Instagram

La legge iraniana, come sappiamo, non è molto permissiva (per usare un eufemismo). Facebook e Twitter sono vietati, e l’unico social sostanzialmente tollerato è Instagram, su cui i ragazzi iraniani pubblicano i loro frammenti di vita.

1738897_03

Ma non con piena libertà: le ragazza non possono infatti mostrarsi senza hijab, il velo che copre la testa e le spalle delle donne, lasciando scoperti il viso e parte dei capelli. Non insomma il radicale burqa o niqab.

1738897_05

Una legge, quella iraniana, che ha portato ieri all’arresto di otto modelle, dopo un’operazione (Spider II) durata due anni e che ha portato all’identificazione di 170 persone (modelle, fotografi e truccatori). Il loro “reato”? Quello di aver diffuso foto di donne senza velo, anche se in questo caso si trattava, appunto di modelle.